La pastosità del dentifricio (usato altrove)

La bocca fresca, il senso di pulito, la lingua che sa di menta.

Il dentifricio è una pasta bianca, densa, sensuale.

Perchè  non usarla altrove? Basterebbe spremerne qualche centimetro sul fondoschiena, farsela spalmare come se fosse colore e farsi sfregare le labbra. O la lingua. O due pollici. A giri circoncentrici che si allargano.

Mentre si fa la doccia, immobili, a occhi chiusi.

Sex toy di design e Bologna città aperta reloaded

Nella mia città, in concomitanza col CERSAIE, importante fiera internazionale, è stata creata parallelamente la Bologna Design Week 

Sul sito si legge: “è una manifestazione internazionale dedicata alla promozione della cultura del design in Emilia-Romagna. Organizzata nel centro storico in occasione e in collaborazione con Cersaie, BDW è un evento che mappa e riunisce le eccellenze culturali, formative, creative, produttive e distributive in un progetto integrato di comunicazione”.

Essendo bolognese, essendo collezionista di oggetti del piacere di design che nulla hanno a che fare con l’esplicito, essendo la prima ad avere avvicinato il pubblico italiano con un messaggio di eleganza, sensualità anche nel gioco di coppia, ho pensato che poteva essere un’idea partecipare come espositrice.

Ho compilato il form, dettagliando la mia attività di esperta, di blogger per il Fatto Quotidiano, di consulente ma anche, di collezionista.

Dopo pochi giorni ricevo questa email:

“Buongiorno Bettina,

è interessata ad esporre presso uno spazio condiviso con altri progettisti? Potrebbe inviarci immagini di riferimento per gli oggetti di cui parla?”
Certo che sì! E rispondo mandando 3 foto di oggetti non espliciti e i condom bellissimi firmati da Manara.
A oggi, dopo tre settimane, non hanno risposto.
Peccato, perchè il design – quello che ha vinto premi come il Red Dot Award – non si trova solo nelle poltrone, nei cellulari, nelle caffettiere che sicuramente producono orgasmi. Solo visivi, però.
Peccato che Bologna continui ad essere Peyton Place quandoiturististranierisonosempre di più ma èmegliocontinuare a offriretortellini, prosssssiutto e Madonne.
Applausi.

Labbra lucide

Negli anni ’80 andavano i lucidalabbra (e non lipgloss).

Se avevi un rossetto carminio, ci passavi sopra il lucido, solitamente a roll-on,  che rendeva le labbra ancora più turgide e seducenti.

Oggi le case cosmetiche propongono miliardi di nuance, di morbidezza, di luccichii.

Ma a me piace fare così, come negli anni ’80. E’ la gestualità, il rimarcare la bocca, il sentirsi più belle due volte.

rossetto

 

Tre consigli per sentirsi più femmine #1

A volte le nostre sicurezze vacillano e ci sentiamo meno piacenti soprattutto a noi stesse.

I consigli che dò alle ragazze e alle donne per entrare più in confidenza con il proprio corpo e conseguentemente essere più positive e attrattive  sono i seguenti:

  • Indossate una gonna a tubo. Quelle che arrivano al ginocchio, un po’ fascianti. Anche se siete formose chissenfrega, purchè non si vedano i segni degli slip. Gli uomini non sono più abituati a questo tipo di outfit e sarete guardate sicuramente.
  • Uscite senza slip. Indossate un vestito, una gonna (non mini), un paio di jeans. Percepite la sensazione diversa dell’assenza del tessuto.
  • Comprare un reggicalze. Anche se ne possedete centinaia, acquistatene un altro. Da 5 euro o da 500 non importa. Indossatelo anche sotto un paio di pantaloni larghi, senza obbligatoriamente le calze. Percepite il pizzo, gli elastici e i gancetti che sfiorano le cosce

Provate e poi sappiatemi dire.

tumblr_mz7ce1stw01rv43zto1_400

Il selfie che stuzzica la fantasia

Porno di qua, sexting di là e zero corteggiamento.

Amiche, tornate un po’ indietro.

Stupite questi uomini spesso narcotizzati da culi, tette e vagine.

Intrigateli.

Basterebbe una foto che stuzzichi senza essere esplicita. Uno smalto, una mano curata che si intrufola nella calza. Il reggicalze che si intravede. Questo è l’erotismo. E agli uomini piace ed eccita.

Il resto è carne noiosa.

tumblr_mikdf4u1jq1rey12yo1_400

 

 

La sedia trasparente che eccita

Quanto sono belle le sedie di Kartell.

Un’idea creativa è, a prescindere dal modello Ghost, quella di prenderne una, sedervici sopra nude – o quasi – e far sì che il proprio uomo si stenda sotto a guardarvi.

Se poi avete dell’olio di Tiarè o di cocco mettetene qualche goccia su dove di sedete e muovetevi sinuosamente. La trasparenza del policarbonato farà da schermo.

Sarà una danza sensuale e diversa.

tumblr_o9r33i0pPD1v2qet5o1_1280

 

Sedia-design-15