Attilio e Barbara #39

Ogni riferimento a persone, nomi, fatti è puramente casuale.

With Love.

B.

 

Caro Attilio,

mi piace sorprenderti.

Nell’attesa di vederti leggo e penso ai boudoir parigini.

Vorrei tornare indietro nel tempo ed essere la tua preferita. Non vorrei innamorarmi, sarebbe pericoloso. Ma l’amore si sa, fa la sua strada.  Tu mi ami, io forse.

Ti aspetto nel salotto che profuma di incensi, trepidante e con le calze a rete che preferisci. Dico no a molti clienti. Voglio solo te oggi. Sentire il tuo odore, le tue mani forti, la tua lingua che mi invade piena di dolcezza.

Te ne dovrai andare un giorno. O forse me ne andrò io. Scoprendo tardi che ti ho amato.

Tua, Barbara

 

Pier e Melissa #37

Ogni riferimento a persone, nomi, fatti è puramente casuale.

With Love.

B.

“Caro Pier,

mi è venuta in mente quella mattina in qui abbiamo passeggiato vicino al campo di girasoli. Era caldo, ho voluto denudarmi e camminare un passo davanti a te. Mi hai presa, messo le mani sugli occhi, mi hai posato a terra con la mia schiena nuda sul tuo corpo vestito. I miei capelli erano sulla tua faccia e mi accarezzavi ovunque. Sentivo la tua camicia, la tua barba, i tuoi pantaloni e l’eccitazione era terribilmente inebriante.

Ebbene, oggi ho preso il cavallo e, nuda, mi sono sdraiata sul suo dorso. Ho chiuso gli occhi, sentivo il respiro, il calore, il contatto con la Natura e il pensarti ha fatto il resto.

Mi manchi. Torna presto.

Tua, Melissa”


 

Acqua calda tra le gambe

Il bagno è rilassante.

La doccia mattutina rivitalizza, ma ogni tanto consiglio di fare un bel bagno caldo con essenze profumate perchè si lasciano andare le tensioni e si distendono mente e corpo.

Ci si concede un po’ di tempo per se stesse, magari leggendo un buon libro, o ascoltando Sakamoto, o semplicemente concentrandosi sul fiotto d’acqua calda tra le gambe e pensare al nostro amore. Tutto il resto viene da sè…e fa stare bene.

 

 

La verità è che non ti piace abbastanza

Provate ogni tanto a guardare le situazioni da un’angolatura diversa.

Innamorarsi è un’esplosione, è aprirsi all’altro, è mettersi in discussione.

A volte si cercano situazioni in cui l’altro è sfuggente, si è succubi e la frase/luogo comune è “Non gli/le piaci abbastanza”.

Si soffre, ci si strugge, ci si sente mortificati.

Ma a pensarci bene, siamo sempre noi ad accogliere e fare nostre le dinamiche amorose. Mai pensato che forse qualcuno lontano, impegnat*, non sempre presente riflette la nostra voglia di NON DARCI all’altro completamente? Oppure che ha qualche lato “ombra” che inconsciamente non ci piace?

Che forse ci si vuole fare un po’ male perchè, successivamente, questi “pizzicotti”ci fanno crescere?

Che sì, quella persona ti piace da morire ma probabilmente averla completamente e con più frequenza, dopo poco annoierebbe?

Emozionarsi, soffrire, gioire, perdere la testa. Tutto poi si assesta e fortifica.

tumblr_olw4jbrywo1vyns69o1_500

L ‘ imperfezione femminile che piace

Difficile far capire alle donne che l ‘ uomo non guarda le imperfezioni del corpo femminile nudo.

E invece molte hanno “l ‘ansia da esposizione”.

Se mai sapessero che quella cellulite, quella morbidezza sui fianchi, la schiena costellata di nei o le rughe del collo, non li vedono nemmeno.

Tutti abbiamo difetti.

Quando si fa l ‘amore bisogna aprirsi all’altro.

Senza pensieri o complessi.

Se volete sentirvi più a vostro agio, indossate un bel capo di lingerie: mentalmente sarà una sorta di “protezione”. Da sfilare con lentezza e farvi acquisire sicurezza.

Seguimi anche sul Fatto Quotidiano

tumblr_oe1v2kt1ch1tat1bvo1_500

Capodanno e il segno del corpo che rimane

Volete fare qualcosa di diverso?

Prendete fogli da disegno, matite colorate, pennelli, gessetti, acquerelli.

Fate l’amore e anzichè  i selfie, ritraete il vostro corpo o il corpo di chi amate.

Non bisogna essere dei Caravaggio: qualsiasi segno  sulla carta, rimarrà.

Questa è la cosa importante.

Che sia un 2017 meraviglioso e  pieno di Amore.

 

tumblr_oc6u7qrhgy1ue4c10o1_1280

 

 

Ingmar e Flor #35

Ogni riferimento a persone, nomi, fatti è puramente casuale.

With Love.

B.

“Sai Ingmar ho pensato che quando ti rivedrò metterò una rosa profumata. Non tra i capelli, non all’occhiello.

Nei collant.

Toglierò prima le spine e delicatamente la schiaccerò sulla coscia. Indosserò una gonna lunga, così quando l’alzerai per accarezzarmi, troverai questo “bassorilievo” d’amore.

Se poi vorrai, strapperai il nylon con le dita.

La rosa sarà tua, io sarò tua e quando te ne andrai  porterai nel tuo respiro i nostri odori.

Tua, Flor”

tumblr_ohfwb88cxy1rfrwnro1_1280