Le alcove perdute

Mi chiedo se qualcuno faccia ancora l’amore in auto.

A Bologna si andava sui colli, nei parcheggi. Ci si sentiva sicuri. Magari si posizionava la macchina in un punto in cui potevi baciare e guardare le stelle. C’era tempo.

Adesso ci sono le case, i Love Hotels, la fretta, il timore di appartarsi e “chissà chi ci guarda”.

Si dovrebbe tornare all’odore dell’erba.

In estate stendersi sui prati la notte. Oppure fare l’amore in auto, scaldandosi in mezzo al paesaggio quasi ultraterreno di quando c’è la neve.

Il freddo non si sentiva.

Si rischiava qualche ammaccatura, ma un po’ di dolore era il “profumo” dell’altro che ci rimaneva per un po’.

GeremyKroll

Ph. E. Kroll

3 thoughts on “Le alcove perdute

  1. Fino a due anni fa possedevo un furgone Citroen Berlingo. Proprio 2 posti e tutto il resto piano di carico. A parte cheper le vacanze era favoloso, con la mia compagna L. ne abbiamo sperimentato la comodità. Tantissime volte…… accompagnando i momenti preferiti con musica e piccoli drink. Provare per credere. Immaginando. M.

  2. Ops….. dimenticavo: ancora oggi lo ricordiamo come “l’alcova blu” (infatti cantavamo: vengo a prenderti stasera – sulla mia alcova blu po-po po-po…..). M.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...